Mielopatia Cervicale Spondilogena

Mielopatia Cervicale Spondilogena

La spondilosi cervicale è un termine generale che indica l’usura dovuta all’età che colpisce i dischi spinali del collo. Quando i dischi si disidratano e si restringono, si sviluppano i segni dell’osteoartrite, comprese le proiezioni ossee lungo i bordi delle ossa (speroni ossei).

La spondilosi cervicale è molto comune e peggiora con l’età. Oltre l’85% delle persone di età superiore ai 60 anni è affetto da spondilosi cervicale.

Per la maggior parte delle persone, la spondilosi cervicale non causa sintomi. Quando i sintomi si manifestano, i trattamenti non chirurgici sono spesso efficaci.

SINTOMI

La maggior parte delle persone non avverte alcun sintomo. Quando i sintomi si manifestano, in genere includono dolore e rigidità del collo.

Talvolta, la spondilosi cervicale provoca un restringimento del canale spinale all’interno delle ossa della colonna vertebrale (le vertebre). Il canale spinale è lo spazio all’interno delle vertebre che il midollo spinale e le radici nervose attraversano per raggiungere il resto del corpo. Se il midollo spinale o le radici nervose vengono schiacciate, si possono verificare i seguenti sintomi:

  • Formicolio
  • Intorpidimento e debolezza di braccia mani, gambe o piedi
  • Mancanza di coordinazione e difficoltà a camminare
  • Perdita del controllo della vescica o dell’intestino

CAUSE, rischi & COMPLICAZIONI

Cause

Con l’avanzare dell’età, le strutture che compongono la spina dorsale e il collo si usurano gradualmente. Questi cambiamenti possono includere

Dischi disidratati. I dischi agiscono come cuscinetti tra le vertebre della colonna vertebrale. All’età di 40 anni, i dischi vertebrali della maggior parte delle persone iniziano a disidratarsi e a ridursi. Quando i dischi diventano più piccoli, il contatto tra le vertebre è maggiore.

Ernia del disco. Anche all’esterno dei dischi vertebrali compaiono delle crepe. L’interno morbido di un disco può infilarsi in queste fessure. A volte preme sul midollo spinale e sulle radici nervose.

Speroni ossei. Quando i dischi si rompono, il corpo può produrre una quantità extra di osso nel tentativo errato di rafforzare la colonna vertebrale. Questi speroni ossei possono talvolta schiacciare il midollo spinale e le radici nervose.

Legamenti rigidi. I legamenti sono cordoni di tessuto che collegano le ossa alle ossa. I legamenti spinali possono irrigidirsi con l’età, rendendo il collo meno flessibile.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per la spondilosi cervicale includono:

Età. La spondilosi cervicale si manifesta comunemente con l’invecchiamento.

Occupazione. I lavori che comportano movimenti ripetitivi del collo, una posizione scomoda o un lavoro molto sopraelevato sottopongono il collo a uno stress supplementare.

Lesioni al collo. Precedenti lesioni al collo sembrano aumentare il rischio di spondilosi cervicale.

Fattori genetici. Alcuni individui di determinate famiglie presentano un numero maggiore di queste alterazioni nel corso del tempo.

Fumo. Il fumo è stato collegato a un aumento del dolore al collo.

Complicazioni

Se la spondilosi cervicale comprime gravemente il midollo spinale o le radici nervose, il danno può essere permanente.

Diagnosi & TRATTAMENTO

Diagnosi

Il vostro medico curante inizierà probabilmente con un esame fisico che comprende:

  • Controllo dell’ampiezza di movimento del collo
  • Test dei riflessi e della forza muscolare per scoprire se c’è una pressione sui nervi spinali o sul midollo spinale
  • Osservazione della camminata per verificare se la compressione spinale influisce sulla deambulazione


Test di imaging

Gli esami di imaging possono fornire informazioni dettagliate per guidare la diagnosi e il trattamento. Alcuni esempi sono:

Radiografia del collo. Una radiografia può mostrare cambiamenti nella colonna vertebrale, come speroni ossei, che indicano una spondilosi cervicale. La radiografia del collo può anche escludere cause rare e più gravi di dolore e rigidità del collo, come tumori, cancro, infezioni o fratture.

RISONANZA MAGNETICA. Utilizzando onde radio e un forte campo magnetico, la risonanza magnetica può produrre immagini dettagliate che aiutano a individuare le aree in cui i nervi potrebbero essere schiacciati.

Mielografia TC. In questo tipo di TAC viene iniettato un colorante nel canale spinale per ottenere immagini più dettagliate. Questo esame consente di vedere meglio i dettagli del midollo spinale, del canale spinale e delle radici nervose.

Test di funzionalità nervosa

Potrebbero essere necessari degli esami per determinare se i segnali nervosi arrivano correttamente ai muscoli. I test di funzionalità nervosa comprendono

Elettromiografia. Questo esame misura l’attività elettrica dei nervi che trasmettono i messaggi ai muscoli quando questi si contraggono e a riposo.

Studio della conduzione nervosa. Gli elettrodi vengono fissati alla pelle sopra il nervo da studiare. Una piccola scossa viene fatta passare attraverso il nervo per misurare la forza e la velocità dei segnali nervosi.

Il trattamento

Il trattamento della spondilosi cervicale dipende dalla sua gravità. L’obiettivo del trattamento è alleviare il dolore, aiutare a mantenere il più possibile le attività abituali e prevenire lesioni permanenti al midollo spinale e ai nervi.

Farmaci

Se gli antidolorifici non sono sufficienti, il medico curante può prescrivere i seguenti farmaci:

Farmaci antinfiammatori non steroidei. I FANS, come l’ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) e il naprossene sodico (Aleve), sono comunemente disponibili senza prescrizione medica. Per alleviare il dolore e l’infiammazione associati alla spondilosi cervicale potrebbero essere necessarie versioni con prescrizione medica.

Corticosteroidi. Un breve ciclo di prednisone orale può aiutare ad alleviare il dolore. Se il dolore è forte, possono essere utili le iniezioni di steroidi.

Rilassanti muscolari. Alcuni farmaci, come la ciclobenzaprina (Amrix, Fexmid), possono aiutare ad alleviare gli spasmi muscolari del collo.

Farmaci antiepilettici. Alcuni farmaci per l’epilessia possono attenuare il dolore dei nervi danneggiati.

Antidepressivi. Alcuni farmaci antidepressivi possono contribuire ad alleviare il dolore al collo causato dalla spondilosi cervicale.

Terapia

Un fisioterapista può insegnare esercizi per allungare e rafforzare i muscoli del collo e delle spalle. Questo può essere uno dei migliori trattamenti per il dolore e la rigidità. Alcune persone affette da spondilosi cervicale traggono beneficio dall’uso della trazione, che può aiutare a creare più spazio all’interno della colonna vertebrale se le radici nervose sono schiacciate.

Intervento chirurgico

Se il trattamento conservativo fallisce o se i sintomi neurologici, come la debolezza delle braccia o delle gambe, peggiorano, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per creare più spazio per il midollo spinale e le radici nervose.

L’intervento potrebbe comportare la rimozione di un’ernia del disco, di speroni ossei o di parte di una vertebra. Potrebbe essere necessario fondere un segmento del collo con innesti ossei e hardware.

Stile di vita e rimedi casalinghi

La spondilosi cervicale lieve può rispondere a:

Esercizio fisico regolare. Mantenere l’attività fisica aiuta ad accelerare il recupero, anche se si devono modificare temporaneamente alcuni esercizi a causa del dolore al collo. Le persone che camminano quotidianamente hanno meno probabilità di soffrire di dolore al collo e alla schiena.

Antidolorifici acquistabili senza prescrizione medica. L’ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri), il naprossene sodico (Aleve) o l’acetaminofene (Tylenol, altri) sono spesso sufficienti a controllare il dolore associato alla spondilosi cervicale.

Calore o ghiaccio. L’applicazione di calore o ghiaccio sul collo può alleviare il dolore ai muscoli del collo.

Un tutore morbido per il collo. Il tutore permette ai muscoli del collo di riposare. Tuttavia, il tutore per il collo deve essere indossato solo per brevi periodi di tempo perché può indebolire i muscoli del collo e causare rigidità del collo.

Medicina alternativa

Gli aggiustamenti chiropratici possono aiutare ad alleviare il dolore e la rigidità del collo. Il chiropratico può manipolare la colonna vertebrale o eseguire un massaggio per alleviare i sintomi. Il trattamento viene in genere effettuato dopo aver effettuato le radiografie della colonna cervicale.

Sia la terapia di massaggio che l’agopuntura sono oggetto di studio per il trattamento del dolore cervicale. I primi risultati suggeriscono che entrambi possono essere utili.