ASTROCITOMI E GLIOBLASTOMI

Astrocitomi e Glioblastomi

I gliomi costituiscono il tipo più comune di tumore cerebrale. Questi tumori originano da cellule normalmente presenti all’interno del cervello e sono caratteristicamente infiltranti con confini poco netti rispetto al tessuto cerebrale sano. La loro asportazione richiede un’accurata tecnica microchirurgica e l’utilizzo di tecniche sofisticate quali la neuronavigazione ed il tracciamento biologico con 5-ALA, che permette di riconoscere intraoperatoriamente le cellule tumorali.

Per quanto riguarda le caratteristiche istologiche e gli esiti del trattamento si distinguono classicamente quattro gradi di malignità: i gradi I e II hanno una malignità bassa mentre i gradi III e IV sono più maligni. Attualmente la diagnosi istologica viene integrata con quella molecolare che permette di stratificare ulteriormente i tumori e permette un trattamento postoperatorio mirato con radioterapia e chemioterapia e fornisce indici prognostici personalizzati

Il glioma è un tipo di tumore che si manifesta nel cervello e nel midollo spinale. I gliomi iniziano nelle cellule di supporto collose (cellule gliali) che circondano le cellule nervose e le aiutano a funzionare.

Tre tipi di cellule gliali possono produrre tumori. I gliomi sono classificati in base al tipo di cellula gliale coinvolta nel tumore e alle sue caratteristiche genetiche, che possono aiutare a prevedere il comportamento del tumore nel tempo e i trattamenti più efficaci.

I tipi di glioma comprendono

  • Astrocitomi, tra cui astrocitoma, astrocitoma anaplastico e glioblastoma.
  • Ependimomi, tra cui l’ependimoma anaplastico, l’ependimoma mixopapillare e il subependimoma
  • Oligodendrogliomi, tra cui oligodendroglioma, oligodendroglioma anaplastico e oligoastrocitoma anaplastico.

Un glioma può compromettere le funzioni cerebrali ed essere pericoloso per la vita a seconda della sua localizzazione e della velocità di crescita.

I gliomi sono uno dei tipi più comuni di tumori cerebrali primari.

Il tipo di glioma presente contribuisce a determinare il trattamento e la prognosi. In generale, le opzioni di trattamento del glioma includono la chirurgia, la radioterapia, la chemioterapia, la terapia mirata e gli studi clinici sperimentali.

i Sintomi

I sintomi del glioma variano a seconda del tipo di tumore, delle sue dimensioni, della sua localizzazione e della velocità di crescita.

  • Cefalea
  • Nausea o vomito
  • Confusione o declino delle funzioni cerebrali
  • Perdita di memoria
  • Cambiamenti di personalità o irritabilità
  • Difficoltà di equilibrio
  • Incontinenza urinaria
  • Problemi di vista, come visione offuscata, visione doppia o perdita della visione periferica
  • Difficoltà di linguaggio
  • Crisi epilettiche, soprattutto in persone che non hanno precedenti di crisi epilettiche.

Diagnosi

I test e le procedure utilizzati per diagnosticare l’astrocitoma comprendono:

  • Esame neurologico. Durante l’esame neurologico, il medico vi chiederà informazioni sui vostri segni e sintomi. Può controllare la vista, l’udito, l’equilibrio, la coordinazione, la forza e i riflessi. Problemi in una o più di queste aree possono fornire indizi sulla parte del cervello che potrebbe essere interessata da un tumore cerebrale.
  • Esami di imaging. Gli esami di imaging possono aiutare il medico a determinare la posizione e le dimensioni del tumore cerebrale. La risonanza magnetica viene spesso utilizzata per diagnosticare i tumori cerebrali e può essere affiancata da esami di risonanza magnetica specializzati, come la risonanza magnetica funzionale, la risonanza magnetica di perfusione e la spettroscopia di risonanza magnetica.
  • Altri esami di imaging possono includere la TAC e la tomografia a emissione di positroni (PET).
  • Prelievo di un campione di tessuto da analizzare (biopsia). La biopsia può essere effettuata con un ago prima dell’intervento chirurgico o durante l’intervento di rimozione dell’astrocitoma, a seconda della situazione specifica e della localizzazione del tumore. Il campione di tessuto sospetto viene analizzato in laboratorio per determinare i tipi di cellule e il loro livello di aggressività.Test specializzati sulle cellule tumorali possono indicare al medico i tipi di mutazioni acquisite dalle cellule. Ciò fornisce al medico indizi sulla prognosi e può orientare le opzioni terapeutiche.

TRATTAMENTO

I trattamenti dell’astrocitoma comprendono

Intervento chirurgico per rimuovere l’astrocitoma. Il chirurgo cerebrale (neursururgo) lavorerà per rimuovere la maggior parte possibile dell’astrocitoma. L’obiettivo è quello di rimuovere tutto il tumore, ma a volte l’astrocitoma è localizzato vicino a tessuti cerebrali sensibili che lo rendono troppo rischioso. Anche l’asportazione di una parte del tumore può ridurre i segni e i sintomi.

Per alcune persone, la chirurgia può essere l’unico trattamento necessario. Per altri, possono essere raccomandati ulteriori trattamenti per uccidere le cellule cancerose che potrebbero rimanere e ridurre il rischio di ritorno del tumore.

Radioterapia. La radioterapia utilizza fasci ad alta energia, come i raggi X o i protoni, per uccidere le cellule tumorali. Durante la radioterapia, il paziente è sdraiato su un tavolo mentre una macchina si muove intorno a lui, dirigendo i raggi in punti precisi del cervello.

La radioterapia può essere consigliata dopo l’intervento chirurgico se il tumore non è stato rimosso completamente o se c’è un rischio maggiore che il tumore ritorni. La radioterapia è spesso associata alla chemioterapia per i tumori aggressivi. Per le persone che non possono sottoporsi a un intervento chirurgico, la radioterapia e la chemioterapia possono essere utilizzate come trattamento primario.

Chemioterapia. La chemioterapia utilizza farmaci per uccidere le cellule tumorali. I farmaci chemioterapici possono essere assunti sotto forma di pillole o attraverso una vena del braccio. In alcune situazioni, dopo l’intervento chirurgico è possibile inserire nel cervello un wafer circolare di farmaco chemioterapico che si dissolve lentamente e rilascia il farmaco.

La chemioterapia viene spesso utilizzata dopo l’intervento chirurgico per uccidere le cellule tumorali eventualmente rimaste. Può essere combinata con la radioterapia per i tumori aggressivi.

Studi clinici. Le sperimentazioni cliniche sono studi su nuovi trattamenti. Questi studi danno la possibilità di provare le ultime opzioni terapeutiche, ma il rischio di effetti collaterali potrebbe non essere noto. Chiedete al vostro medico se potete partecipare a una sperimentazione clinica.

Cure di supporto (palliative). Le cure palliative sono un’assistenza medica specializzata che si concentra sul sollievo dal dolore e da altri sintomi di una malattia grave. Gli specialisti in cure palliative collaborano con il paziente, la sua famiglia e gli altri medici per fornire un ulteriore livello di supporto che integra le cure in corso. Le cure palliative possono essere utilizzate mentre ci si sottopone ad altri trattamenti aggressivi, come la chirurgia, la chemioterapia o la radioterapia.